Saggi Storici sui Tarocchi di Andrea Vitali

Saggi Ospiti

Triomphi de Troilo Pomeran da Cittadela - 1534

Composti sopra li Terrocchi in Laude delle famose Gentil Donne di Vinegia

 

Testo nserito il 20 novembre 2020

 

Riguardo la consuetudine di mettere in rima o di versificare i tarocchi ‘appropriandoli’ a personaggi della più diverse classi sociali, si veda al saggio I Tarocchi in Letteratura I 

 

Testo estratto da:

 

Triomphi de Troilo Pomeran da Cittadela composti sopra li Terrocchi in Laude delle famose Gentil Donne di Vinegia, Stampata in Vinegia per Zuan’Antonio di Nicolini da Sabio. Nel MDXXXIIII. [1534], s.n.p.         

  

                    MONDO


Veniva inanzi humilemente altera

   Adorna e cinta di perpetua luce
   ANDRIANA Cornera alma sincere
   Creata, e scesa da l’eterna luce,
   Portava 'l Mondo per fede ampia e vera,
   Ch'ovunque aggiorna ’l Sol sua beltà luce,
   E nel calcar de le verdi herbe tenere
   Facea rider nel ciel Mercurio, e Venere.

 

                      Giustitia

 

Con quell'andar, che inanzi al sommo Giove

   Giunone incede, e mostra alta eccellenza
   La bella Barbariga i passi move
   E abbella 'l mondo, e 'l ciel con sua presenza
   Ne cui begli occhi Amor l'altiere prove
   Mostra de l'infinita sua potenza,
   E perch' ogn' opra giusta in costei sorge
   Giustitia tien, ch'al ciel la mena, e scorge.

 

                      Angelo

 

Di quel color, che 'l ben de l'altra vita

   Adornar volse l'alto ciel stellifero
   Isabella Grimani era vestita,
   Che da se sgombra ogni pensier pestifero,
   L'Angel portava, che le presta aita
   Contra l'insidioso, e fier Lucifero,
   E tal’è sua beltade, e 'l volto divo
   Che chi di lei non parla non è vivo.

 

                      Sole

 

Qual Tucia casta, che dal Re di fiumi

   Portò l'acqua co‘l cribro sol per fede
   De l'innocentia sua, e' n piu volumi
   Lasció d'eterna gloria il nome herede,  

   Tal Laureta Tron, i cui costumi  
   Son nati ov'è quel Sol, che 'l tutto vede,
   Per fede tien del bel viso giocondo
   Il gran Pianeta, che da luce al mondo

 

                      Luna

 

Venia lodando gli alti, e sommi Dei
   Che la fecer qua giu si d’ honor degna
   Grazimana gentil' era costei,
   Che vol la Casta Luna per insegna
   Per dimostrar che veramente in lei
   Sol pudicitia, et honestate regna,
   Chi dirà adunque che dopo sua morte
   Costei non vole ala superna corte.

 

                      Stella

 

Accorta, e saggia seguia sopra l’herba
   E nel parlar mostrav' alta bontate
   Isabetta Sanuta, la qual serba
   Integro 'l nome suo con honestate
   Ogni selvaggio cor si disacerba
   Mirando di coste l’alme beltate,
   Porta la Stella questo Giglio d'horto
   Per esser di vertu sicuro porto.

 

                      Foco

 

Ridean le piaggie, i monti e ogni collina,

   E la dolc’aura i fior movea sovente
   A l'apparir di Bianca Contarina
   Leggiadra altera, e piu che 'l Sol lucente
   La cui somma beltade alta, e divina
   Infiamma e rompe ogn'indurata mente
   Il Foco adunque tien la bella Donna
   Ch’è d'amor nido, e de vertu Colonne.

 

                      Diavolo

 

Facea stupir il ciel ogn’hor piu intento

   A remirarla, e togliea ‘l corso a venti
   Laura Bollani, ch'ogni aspro tormento
   Scaccia da l'alme con suoi dolci accenti
   Portava ‘l Diavol con molto ardimento  
   Nero, et arsiccio, e pur con gli occhi ardenti,
   Questa mostrando che nostra salute
   E fuggir vitio, e abbracciar virtute.

 

                      Morte

 

Non men rendeva 'l Ciel pien di stupore

   Co i biondi crin de l’honorata testa
   Paula Capello eterna gloria, e honore
   Di quante fusser nella turba honesta
   La crudel Morte senza alcun timore
   Sopra le verdi fronde tenia questa
   Per dinotar che sua beltà infinita
   Gli amanti ancide, strugge, e torna in vita.

 

                      Traditore

 

Non molto da quest'altre era lontana

   E contemplava il ben del santo regno
   L'accorta Moceniga alma soprana
   De bei costumi adorna, e d’alto ingegno,

   Costei con vista alteramente humana
   Il Traditor d'alta giustitia degno
   Tenia sospeso, perch’i tradimenti.
   Da se discaccia qual le nubi i venti.

 

                      Tempo

 

Come regina in triomphante Plaustro

   Venia gioconda si a le principali
   Maria Leone, divin tempio, e claustro
   De virtu eccels’, e sopra naturali,
   Haveva 'l Tempo, che da Borea a l'Austro
   Guasta, e corrompe le cose mortali,
   Perche come acqua, che passa e trascorre
   La vita nostra cosi al morir corre.

 

                      Rota

 

Qual se dimostr’al ciel rident’, e bella

   Vermiglia Ros’a l’apparir del giorno.

   Tal Paula mora, ma piu vagha, e snella
   Scopre’l bel viso d'ogni gratia adorno,
   Sembra divina l'alta sua favella,
   E gentilezz'ogn’hor le sta d’intorno,
   La Rota tien, che mostr’al cieco mondo
   Speranze incerte con volto giocondo,

 

                      Fortezza

 

Vestita a nero con poc' allegrezza,

   Ma dolcemente con andar soave,
   Paula Quirini fior de Gentilezza
   L'altre seguiva molto astuta, e grave,
   Era l'insegna sua credo fortezza
   Se la sembianza decetto non m’have,
   Come ne i varij motti di fortuna
   Dolor non prende inver non gioia alcuna.

 

                      Amore

 

Splendea nel divin volto piu che ‘l Sole

   E l'aria dolce asserenando gia
   Orsina Foscholeta, ch’ogn’ hor vole
   Seco le Gratie, e Amor in compagnia,
   Costei de gigli, rose, e di Viole,
   Le chiome accolte in oro ricopria,
   E col vezzoso aspetto, riso, e sguardi
   Temprava l'Amorosa face, e i dardi.

 

               Carro Triomphale

 

Alza la stanca voce alza ‘l mio stile

   Tanto ch'io canti l’alte lodi Amore  
   Di Maria Lauredan’ alma gentile  
   Unica in terra di belta, e valore,
   La cui fama immortal dal Gange a Tyle
   Lucid’ appar con singular splendore,
   Il Carro Triumphal costei per segno  
   Tien di sua stirpe altera, e stato degno.

 

                      Temperanza

 

Tanta virtut’ havea nel sacro aspetto,

   Che tutto ‘l prato le rideva interno
   La bella Biancha Zena nel cui petto
   Fiorischon pensier casti, e fan soggiorno,
   La Temperanza con sommo diletto
   Costei mostrava sopra ’l viso adorno,
   Perche ne bei costumi ha tal virtute,
   Che dar potrebb’ al mond’ ogni salute.

 

                      Papa

 

L' habito altero, e l’Angelico canto

   L'opre sue rare, e la gentil figura,
   De la famos' Albertha in ogni canto
   Stupir fa ‘l mondo, i ciel, e la natura,
   Sopra la bionda chioma ‘l Papa santo.

   Costei portava con la mente pura,

   Mostra ‘l bel segno la Donna pudica 

   Esser de l’alto Iddio perfett’ amica.

 

                      Imperatore 

 

In fronte scritto havea saper profondo 

   Pura honestade, e somma cortesia,

   Benedetta Pisani, che nel mondo
   Insegna gir al ciel per dritta via.

   L'Imperator con viso almo, e giocondo
   Questa Donna gentil con seco havia
   Per defender de Dio la santa fede
   In contra de ciescun, ch’in lei non crede.

 

                      Papessa

 

Addolcivan cantando l’aria e ‘l cielo

   Il bel stormo de Augei tra verdi frondi

   Allhor che sciolse giu dal capo il velo
   E sparse i raggi de i duo Sol giocondi

   Marieta Zanni, che d'ardente zelo
   Ama virtute, e sopra i capei biondi
   Tien la Papessa per vessillo, e insegna
   De gli alti suoi costumi, e stirpe degna.

 

                      Imperatrice

 

Con la belta che viene ambasciatrice

   Del novo giorno rutilante Aurora
   La saggia Paschalig’ alta, e felice,
   Mostra la faccia nobile, e decora,
   Sopra de i Capei d'or l’Imperatrice
   Con atti adorni le facea dimora,
   Millie Trophei per questo, et altri segni
   Merta la bella Donna, e stati degni.

 

                      Bagattela

 

Fiorian l’herbette, e i rami in ogni parte

   Ogn’hor ch’alzava i duo fulgenti lumi
   Paula valier, ch'al furibondo Marte

   Traria l'arme de man co bei costumi 

   Splende sua gloria in piu famose carte,

   E fa stupir nel ciel i sacri numi

   La donna altera, e ’l Bagattell’audace 

   Tenia, benchę l'altrui ingannar le spiace.

 

                      Matto

 

Magnanima, gentil, accorta, e santa

   Mostras’ in l'opre sue stupende, e rare,

   Nicolosa Cornera, de cui canta
   Il sacro Apollo, e le sue Nymphe care

   Non potria ingegno human referir quanta
   Beltat’ in lei se scorgie, e virtu appare,  

   Hor perch’a tempo sa finger stultitia
   Costei col Matto havea preso amicitia.